martedì 21 ottobre 2014

Un anno al servizio della nonviolenza: due posti

Con la riapertura del Bando per il servizio civile nazionale è stato approvato e finanziato il progetto “Giovani protagonisti in servizio per la nonviolenza” presentato dal Movimento Nonviolento di Brescia. Esso prevede l’utilizzo di due giovani volontari disponibili a prestare la propria opera per 30 ore settimanali nell’arco di un anno, retribuiti 433,80 euro mensilmente. La proposta è rivolta ai cittadini di età compresa fra i 18 e i 28 anni in possesso del diploma di scuola media superiore.
Presente in città da 43 anni, il Movimento nonviolento crea e organizza quotidianamente attività e iniziative per la pace, il disarmo, le obiezioni di coscienza, la opposizione contro gli insediamenti militari e le industrie belliche, l’educazione alla mondialità, la difesa della salute dell’ambiente e dei cittadini. Promuove campagne per l'eliminazione delle armi e la riconciliazione fra i popoli e dispone di una biblioteca con 3.500 volumi in consultazione e in prestito, 28 riviste in abbonamento e circa 75.000 documenti (volantini, opuscoli, dossier, articoli di giornale, lettere, studi critici e saggi brevi), ponendosi come punto di aggregazione ed animazione culturale sul territorio provinciale.
Il bando scade venerdì 14 novembre. Gli interessati possono rivolgersi alla sede in via Milano 65 oppure cliccare in rete http://nonviolenti.org o telefonare al numero 339.6243617 o ancora inviare una e-mail all’indirizzo movimentononviolento.bs@alice.it.

2 commenti:

  1. giovanni damiani21 ottobre 2014 18:30

    3 € e mezzo all'ora. Non male come retribuzione per un diplomato. Complimenti! ottima iniziativa. Non dubito che migliaia di richieste di assegnazione sommergeranno la sede di via Milano 65.

    RispondiElimina
  2. La retribuzione dei volontari in servizio civile nazionale, come Lei sa, è decisa dal ministero. Ma non creda che questo sia un ostacolo insormontabile per giovani motivati e preparati: al Centro per la nonviolenza stanno già calendarizzando i colloqui per le selezioni dei numerosi interessati alla proposta.

    RispondiElimina