mercoledì 5 febbraio 2014

F-35: perché NO

Dopo che persino il Pentagono nei giorni scorsi ne ha certificato la scarsa affidabilità, la sorte del 'nuovo' cacciabombardiere F-35, che il governo italiano avrebbe intenzione di acquistare in 90 esemplari per la nostra Aeronautica militare, è davvero periclitante e ad illustrarne le magagne sarà venerdì 7 febbraio a Brescia lo scienziato Francesco Vignarca, il ricercatore che ha smascherato l’ ultima folle spesa della lobby militar-industriale e coi suoi studi ha aperto la strada per un ripensamento di tutto il modello nazionalistico della difesa militare.
Alle ore 20.30 al Centro Parrocchiale di Santa Maria in Silva, in via Sardegna 24, presenterà il suo volume-inchiesta "F-35. L'aereo piu' pazzo del mondo" (Round Robin editrice, 144 pagine, 13 euro), nel quale conduce una accurata radiografia delle caratteristiche di questo aereo che è diventato il simbolo delle spese militari folli del nostro Paese, nen 14 miliardi di euro per comprare novanta cacciabombardieri d’attacco, sotto attacco da parte dei centri di studi strategici delle cancellerie di mezzo mondo.
Partendo dalla fabbrica di Cameri, in provincia di Novara, il libro smaschera tutte le bugie sfoderate finora sull'argomento per perorare la causa dell'acquisto. Stando a quel che si legge in queste pagine, non ci saranno penali da pagare per uscire dal faraonico programma di spesa collegato agli F-35, il ritorno economico non supererà il 20% degli invesimenti, la sua costruzione porterà al massimo 600 posti di lavoro, ben lontani dagli oltre 10mila promessi. Tutto ciò mentre già Canada, Olanda e Australia hanno ufficialmente rinviato o sospeso il programma.
Con l'autore venerdì sera dialogherà il portavoce del Movimento nonviolento Adriano Moratto e il coordinatore di Pax Christi don Fabio Corazzina.

3 commenti:

  1. Giacomo Fenaroli6 febbraio 2014 12:51

    don Corazzina a voi serve solo se è contro gli F-35....

    RispondiElimina
  2. Mario Carleschi6 febbraio 2014 12:56

    Scrivere periclitante anzichè pericolante è necessario? Farsi capire da più persone è un orrore?

    RispondiElimina
  3. Don Fabio è il parroco del Centro che ospita l'incontro e impegnato da decenni nelle campagne nonviolente per la pace e il disarmo, campagne che serve più e meglio di migliaia di amici e compagni.
    "Pericolante" si usa per il concreto, "periclitante" per l'astratto. Ricordi il Moretti di "Ecce bombo"? «Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!».

    RispondiElimina